Bando Regione Veneto
Back to Blog

Dobbiamo proprio ammetterlo: il lancio del primo escape museum stabile d’Italia progettato da noi di Play the City al Museo Fioroni di Legnago è stato un vero successo!

I partecipanti hanno esplorato le varie sale del museo, interagito con alcuni degli oggetti esposti e approfondito la conoscenza di ciò che nasconde l’interessantissimo museo in cui (la storia vuole) fossero rinchiusi .

Grazie anche ad alcune parti narrative contenenti informazioni su Maria Fioroni, sul museo e sulle collezioni, le squadre hanno ottenuto preziose informazioni sulla soluzione degli enigmi e sul luogo in cui era stata nascosta la chiave che avrebbe permesso loro di uscire.

Attraverso una pagina web di appoggio, i partecipanti hanno dovuto inserire un codice per disattivare l’allarme prima di aprire il lucchetto che consentiva loro l’uscita dal museo e la fine del gioco.

Tutto questo è stato possibile grazie a voi, che avete creduto anche in questo progetto Play the City attuativo della nostra filosofia per cui, attraverso l’uso della gamification, cerchiamo di far scoprire o ri-scoprire i luoghi che ci circondano.

Ora abbiamo un altro annuncio da fare e abbiamo bisogno del vostro aiuto:

Siamo a caccia di musei!

Sì, avete letto bene: siamo a caccia di musei con cui collaborare per ampliare questo nuovo format ed espanderlo in tutta Italia!

Questo format è infatti adatto a tutti i musei che intendono innovarsi profondamente, sperimentando forme nuove e più accattivanti di comunicazione grazie alle quali incontrare pubblici diversi, composti magari da persone che normalmente non entrerebbero mai in una sala museale.

Il nostro format di “Escape Museum” coinvolge i visitatori del museo con una proposta di visita interattiva e ludica. Creiamo una storia interattiva che i visitatori possano fruire da soli (individualmente) o in gruppo, in maniera autonoma o mediata, ma che abbia al suo interno lo stimolo a visitare il museo, per ottenere una ricompensa finale.
Attraverso la soluzione di giochi e piccoli enigmi presenti nel materiale di gioco consegnato alle squadre all’inizio dell’attività, si genera azione e condivisione, facendo diventare il museo un luogo interattivo al 100%, dato che le soluzioni si trovano nelle collezioni!

In base agli obiettivi e alla tipologia di museo, l’esperienza potrà essere ideata per essere organizzata in qualunque momento, anche nel corso dell’apertura del museo ad altri visitatori.

Insomma, anche questo nostro format risulta versatile ed adattabile a svariati contesti e può essere replicato anche in altre realtà culturali (altri musei, palazzi ecc..) dando la possibilità di poter replicare questa esperienza in qualsiasi momento successivo al lancio, senza bisogno di costosi riallestimenti.

Contattaci cliccando qui per maggiori informazioni

X