News


Back to Blog

Per giocare alla caccia al tesoro di Halloween con Play the City vi potrebbe essere utile scoprire qualche dettaglio in più su ciò che ha dato origine a questa ricerca: il racconto di una monaca. Eccolo per voi, in versione integrale:

“La scorsa notte, in cerca di un po’ d’aria fresca, passeggiavo nel chiostro del convento in cui vivo. Fra il sonno e la veglia… a un certo punto, davanti a me, ho assistito a una scena terrificante.

Una palude maleodorante… e in quella palude il corpo squartato di un uomo, dalle cui viscere sembrava nascere un drago! Non riuscivo nemmeno a gridare, tanto era lo spavento!

Da quella notte la mia insonnia è peggiorata e le visioni si sono moltiplicate: sono perseguitata da pianti e lamenti senza sosta… Vedevo combattimenti feroci, in cui centinaia di uomini perdono la vita.

Tutto per colpa di un uomo, che però io scorgo solo da lontano, e che non mostra mai il volto.

Nel mio ultimo sogno quest’uomo veniva ferito e catturato in battaglia, ma una volta in cella, strappandosi le bende con i denti, si lasciava morire dissanguato!

Preoccupata per la mia salute, qualche settimana fa la Madre Superiora ha voluto che fossi condotta in una struttura protetta e ora posso dire di essere emersa dall’abisso delle visioni. Ho sognato immensi tesori, accumulati con il sangue e il sacrificio di molti e nascosti chissà dove. Poi, a poco a poco, gli incubi sono scomparsi.

La Madre Superiora mi ha confidato che nei giorni di questo delirio ero fuori di me e non parlavo con nessuno, non mangiavo, non bevevo… trascorrevo tutto il tempo a scrivere e disegnare, a lume di candela. Pagine e pagine, apparentemente prive di senso: fogli confusi, pieni di enigmi da risolvere, una mappa e qualche bizzarro appunto. Sembrerebbero le indicazioni per trovare qualcosa.

Nel giorno di Tutti i Santi finalmente uscirò da qui. E porterò con me questi fogli, per fare luce su questa vicenda… Spero di trovare qualcuno che mi aiuti…”

 

X